+++ULTIMORA+++ Renzi cambia verso alla lingua nazionale.

un-cartellone-pubblicitario-a-roma-che-ironizza
“Basta con l’Italiano, nel mondo non lo parla più nessuno”.

Queste le parole del Premier pronunciate a margine del summit europeo che ha presieduto in Turingia sul rilancio del mercato ittico e l’abbattimento selettivo degli ungolati.
Dopo la riforma del Senato, la legge elettorale e l’articolo 18 Matteo Renzi ha sollevato un altro tema destinato a scatenare polemiche: “Se in 150 anni d’Unità d’Italia la gente fa ancora strafalcioni e continua a parlare in dialetto una ragione ci sarà: inoltre l’uso dell’italiano discrimina tutti quegli stranieri che sarebbero disponibili a investire nel nostro paese ma poi desistono perchè non ci capiscono un cazzo.”
Il premier ha annunciato entro l’autunno un apposito decreto per cambiare la lingua nazionale: Renzi ha subito escluso che il nuovo idioma possa essere l’Inglese (troppo difficile) e l’Arabo, per non irritare la Lega e soprattutto gli alleati dell’NCD di Alfano.
In Italia dal 2015 si parlerà dunque il Cinese mandarino, una scelta che Matteo Renzi ha rivendicato per consentire di attrarre investimenti dalla maggiore economia mondiale.
Dura l’opposizione della minoranza PD che preannuncia battaglia al Senato: Civati pronuncerà il suo intervento in Esperanto mentre i giovani turchi si dicono fiduciosi di poter trovare un compromesso sul Tedesco.
Delusi invece i bersaniani che avrebbero preferito il Russo.

Paolo Soglia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...