10 idee per Bologna

torri
E’ tempo di elezioni: da qui in avanti sarà tutto un fiorire di proposte e voli pindarici.
Meglio esser concreti: ecco le mie “10 idee per bologna”:
1) Più Torri per tutti
Da tempo c’è chi propone di riaprire i canali, io al contrario sono per tenerli tombati: di città canalizzate ce ne sono già fin troppe e ben più famose. Bisogna invece ricostruire tutte le Torri abbattute ignobilmente tra fine ottocento e primi del novecento: un grande progetto per riportare nuovamente la città ad essere la più turrita del mondo!
Per evitare guai con gli appalti e finire per assegnare i lavori ai soliti palazzinari la direzione tecnica sarà assegnata a una commissione di Umarels, selezionati tra quelli che più si sono distinti nell’osservazione dei cantieri, e sarà presieduta da Danilo Masotti.
L’idea in sè è facilmente realizzabile: molto più difficile sarà stabilire forma e colore dei fittoni da mettere a protezione delle nuove torri.
2) Ruotare la Maniglia
Beppe Maniglia: un bene superfluo o un male necessario? La polemica sull’anziano cantore di strada impazza da circa tre decenni, senza che mai estimatori e detrattori si siano messi d’accordo. L’amministrazione non ha mai affrontato il problema, ora è tempo di prendere la questione di petto: propongo che di Beppe, nel bene e nel male, se ne faccia carico l’intera città e non solo Piazza Maggiore. Quindi il Maniglia, come accade per i venditori di strada, sarà delocalizzato settimanalmente in piazze diverse in modo da coprire tutti i quartieri e i comuni dell’area metropolitana.
In caso di rifiuto, all’artista saranno inflitti i domiciliari e il servizio sarà comunque assicurato dal corpo della Polizia Municipale: un agente con parrucca bionda e boccoli, a torso nudo, girerà per le piazze dei quartieri facendo scoppiare borse d’acqua calda e suonando “Apache” a squarciagola…
3) Lunga vita al “Magnifico”
Per ogni imperatore arriva il momento del declino: Fabio Alberto Roversi Monaco ha regnato incontrastato su Felsina negli ultimi 40 anni, è giunto il momento di voltar pagina.
Il Consiglio Comunale Rivoluzionario, concordi tutti i gruppi (Gironda, Giacobini, Montagna, etc etc) emanerà quindi un editto di esilio per il Sire, con l’ingiunzione a trasferirsi immediatamente fuori dai confini dell’area metropolitana e l’obbligo a mai più farvi ritorno. Tutti gli ottimati, i baroni e i lacchè nominati dall’ex Magnifico decadranno dai loro incarichi e i posti nei CdA delle istituzioni e delle Fondazioni verranno redistribuiti al Popolo per estrazione a sorte in una grande riffa organizzata in Piazza Maggiore.
Gli appartamenti dell’ex imperatore saranno adibiti a casa di riposo per graffitisti quando raggiungeranno l’età della pensione.
4) Aperol o Campari?
E’ ormai un fatto assodato che il centro di Bologna serva ad un unico scopo: prendersi un aperitivo. Quindi bando alle false coscienze: prendiamone atto e agiamo di conseguenza. Per valorizzare questa nuova vocazione del nostro centro storico la mia proposta è di realizzare in città, negli anni a venire, un grande evento mondiale:
il Festival Internazionale della Gastronomia e dell’Aperitivo.
Oltretutto l’acronimo spacca… altro che F.I.C.O.
5) Panebianco: un nuovo format
La contestazione al professor Panebianco va avanti ormai da anni, stanca e ripetitiva, a beneficio di pochi studenti e addetti ai lavori: bisogna rivitalizzare e socializzare questa avvincente saga anche a scopo di promozione turistica.
“Contestazione a Panebianco” non ha infatti nulla da invidiare a “The Rocky Horror Picture Show”, spettacolo che ha tenuto le scene a Broadway per più di un quarantennio.
Per organizzare il nuovo format verrà subito istituito un tavolo a cui parteciperanno i collettivi, le forze dell’ordine, il super magistrato Uolter Giovannini e ovviamente il professor Panebianco: ogni settimana cittadini e turisti, prenotandosi comodamente on line e pagando il biglietto, potranno assistere alla consueta contestazione all’Università del noto politologo, con urla, tafferugli e cariche della polizia.
Versando un piccolo supplemento si potrà anche partecipare, urlando slogan e insulti da dietro le quinte o facendo cordone con gli agenti a protezione del Professore.
6) Il Trasversalone
Avete ancora voglia di parlare di passante Nord, passantone, passantino, doppia corsia o minipassante? Basta! La questione è semplice: deviamo l’Autostrada del Sole a Modena e facciamo un nuovo trasversalone a quattro corsie che raggiunga direttamente Firenze, così nessuno verrà più ad attraversare Bologna e a romperci i coglioni.
7) Stadio Dall’Ara
Bologna non avrà mai altro stadio che non sia il Dall’Ara. Per ristrutturarlo, oltre ai soldi di Saputo, si rende però necessario ibernare la Soprintendenza facendoli risvegliare solo a lavori ultimati.
Unica raccomandazione: segnarsi bene sul nuovo progetto che i colori del BFC sono il Rosso e il Blù. L’ultima volta che hanno ristrutturato lo stadio infatti, oltre ad aver fatto un obbrobrio, l’hanno pure dipinto di giallo blù manco fossimo il Verona…
8) Rilancio del genere neomelodico
I cantanti neomelodici bolognesi sono da sempre emarginati e ignorati, mentre rockband, cantanti di musica leggera, cantautori e jazzisti hanno avuto finora tutte le luci della ribalta.
E’ tempo di cambiare: il fatto che il genere neomelodico bolognese non esista non è una scusante, anzi, proprio per questo è necessaria una forte politica di rilancio e di valorizzazione.
9) Spagheti Bolognaise
In tutto il mondo si mangiano gli “spagheti bolognaise” tranne che a Bologna.
E’ uno scandalo…
Gli “Spagheti Bolognaise” verranno imposti d’ufficio nel menù di tutte le mense scolastiche, mentre all’ex Mercato di Mezzo verrà aperto un nuovo locale denominato: “Il vero Spagheti Bolognaise”, dove cittadini e turisti potranno gustare questa prelibatezza fatta secondo l’antica tradizione: pasta di grano tenero scotta e sugo compero del discount.
10) Abolizione degli origami di Lepore
Questo è facile: tanto del nuovo simbolino inventato dall’attuale assessore (copiato paro paro da quei cilindretti coi prismi e le pietruzze colorate che andavano tanto di moda negli anni ’70) non se ne è mai accorto nessuno…

Paolo Soglia

Annunci

2 thoughts on “10 idee per Bologna

  1. Nel punto 1) oltre alle torri prevedi anche di dar corpo alla vecchia
    idea di Alfredo Testoni :”… ad stricher via Rizzoli”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...