Salviamo il Dall’Ara: il Comune batta un colpo

Sulla vicenda Stadio aleggiano corvi. Mi riferisco alle voci sempre più insistenti che si rincorrono: abbandonare il Dall’Ara al suo destino e costruire un nuovo stadio, in aree da definire (tipo parco nord, ma non solo).
E’ un errore gravissimo, uno scempio che si deve assolutamente evitare: questa soluzione evidentemente farebbe felici alcuni costruttori e forse anche il club (che spenderebbe meno) ma non è certo nell’interesse di Bologna.
Quale sarebbe infatti l’interesse della città ad avere in zona semicentrale una cattedrale del deserto abbandonata, un monumento storico immodificabile (perchè tutelato) ma a quel punto completamente inutile e destinato al degrado, pur sapendo che comunque peserebbe sui contribuenti perchè la manutenzione, se non si vuol che vada in pezzi, andrebbe fatta?
Lo Stadio Dall’Ara è uno degli impianti storici più belli del mondo: bisognerebbe andarne fieri e non trattarlo come un problema ingombrante.
Ma oltre ad essere un monumento lo Stadio Dall’Ara ha un destino segnato: è fatto per giocarci a calcio. Per questo fu pensato e a questo serve e lo fa ancora ottimamente essendo – a quasi un secolo dalla sua costruzione – il tappeto verde migliore d’Italia.
Dunque per salvare il Dall’Ara è necessario fare un passo indietro, cambiare approccio. Ed è necessario che il Comune di Bologna batta un colpo.
La storia ci dice che una volta arrivato “lo zio d’America” (Saputo) in Comune hanno accarezzato la ghiotta opportunità: rifare il Dall’Ara nuovo e liberarsi di tutti gli oneri di manutenzione a costo zero.
Ma qui casca l’asino: ristrutturare il Dall’Ara costa quasi il doppio che fare uno stadio nuovo, inoltre, se lo fa un privato, non ne godrebbe la proprietà. Tecnicamente il Dall’Ara è inalienabile. Lo si può dare in concessione, anche lunghissima, ma rimane sempre di proprietà pubblica (come è giusto che sia).
Ora, l’approccio “zio d’America” prevede che a fronte degli oneri da sostenere lo “zio” sia ricompensato da aree compensative di proprietà comunale, da utilizzare in proprio o da rivendere per progetti altrui.
E qui nascono i problemi: perchè lo “zio” si trova a dover fare a un investimento doppio rispetto a quello per un nuovo stadio, con una sostanziale differenza: lo stadio nuovo sarebbe di sua esclusiva proprietà (e quindi andrebbe in patrimonio) il Dall’Ara ristrutturato no.
Ma così facendo il Comune, che vuol la botte piena e “lo zio” ubriaco, non ha più in mano il pallino, o ce l’ha solo parzialmente: da un lato non mette un euro sul Dall’Ara, ma dall’altro deve trattare da posizione di debolezza sulle aree compensative, non avendo più come faro la valorizzazione di beni pubblici, secondo principi urbanistici definiti, ma dovendo venire incontro alle esigenze dei privati che da quelle aree – evidentemente (e io aggiungo: legittimamente) – vogliono poi avere dei ritorni economici.
Infatti, come ha fatto garbatamente notare  l’Ad del BFC Claudio Fenucci al Sindaco, che in questi giorni gli sta facendo fretta e alza la voce, “è la prima volta che viene chiesto a un privato di ristrutturare completamente uno stadio pubblico, senza acquisirne la proprietà”. Un caso unico al mondo.
Da qui dunque nascono tutti i problemi: al Cierrebi come ai Prati di Caprara (ma c’è anche la questione antistadio, il destino delle società sportive all’interno del Dall’Ara, etc, etc).
Per sciogliere questo nodo è necessario dunque cambiare radicalmente approccio.
Ecco dunque la mia proposta, che parte da una considerazione: chi l’ha detto che il Comune non debba investire sul Dall’Ara, monumento storico di immenso valore e impianto efficiente e prezioso per lo sport bolognese? Perchè si postula che debba essere una operazione “a costo zero” per il Comune e a totale onere dello “zio d’America”?
Il Dall’Ara vale forse meno del Nettuno o delle Torri o di altri monumenti storici?
Alcuni rispondono: perchè il Comune non ha i soldi.
Balle.
Saputo è disposto a metterci 35 milioni (meno di quello che gli costa fare uno stadio nuovo) il resto deve saltar fuori dalle aree compensative.
Ebbene, per non impiccarsi sulle aree compensative, consentendo obtorto collo piccole/grandi speculazioni, il comune a mio avviso deve mettere l’altro 50%.
In parte è quello che propone l’amico Fausto Tomei, consigliere del quartiere Saragozza. Ma Tomei parla di un gesto oblativo della cittadinanza, una sorta di colletta tutta sulle spalle dei cittadini.
No: i soldi devono venire dal Comune, facendo ricorso al Credito Sportivo.
Coi tassi estremamente agevolati della banca pubblica per lo sport, un mutuo venticinquennale di 35/40 milioni peserebbe sul Comune per meno di 2 milioni l’anno.
Una cifra ridicola per una città area metropolitana come Bologna.
Senza contare che questa rata annuale potrebbe essere in qualche modo ammortizzata. Se non del tutto, almeno parzialmente: basterebbe che dopo la ristrutturazione il Comune si riservasse nel nuovo stadio 500/1000 posti da destinare – annualmente – ad aziende o privati che volessero contribuire al salvataggio del Dall’Ara mettendoci la firma, comprando abbonamenti speciali assegnati in base a donazioni a prezzi maggiorati.
Se metti 500 posti a 1000 euro per i privati e altri 500 a 5000 euro per le aziende, puoi ricavare fino a 3.000.000 di euro l’anno. E potresti anche prevedere che una volta coperta la rata pubblica del mutuo la parte eccedente vada nelle casse del BFC che così avrebbe tutto l’interesse a promuovere questo tipo di sovvenzione (detraibile…).
A questo punto il Comune potrebbe fare a meno di esporsi così tanto sulle aree compensative (o ridurle a qualche minimo spazio attorno allo stadio Dall’Ara, in modo che siano incluse solo quelle funzionali al progetto di ristrutturazione).
E al tempo stesso la città avrebbe un Dall’Ara riqualificato invece di una cattedrale abbandonata e dell’ennesimo progetto di ipercementificazione per un nuovo impianto (più chissà cosa…) in periferia.
Vi torna?
Paolo Soglia
Annunci

Quel pomeriggio di un giorno da cani

sgombero
Non ho parole, sto cercando di metterle insieme.
Me ne viene in mente una sola: solitudine.
Oggi pomeriggio ero li, davanti alla nuova sede del Comune di Bologna, uno tra i tanti di fronte ai blindati mentre sgomberavano 250 persone da uno stabile, bambine e donne per strada e uomini sui tetti, a resistere (fino a quando? Per che cosa?).
Tutto intorno a me ci sono attivisti dei centri sociali, giornalisti e fotografi, cittadini del quartiere e impiegati del Comune.
A un certo punto ho visto un mio caro amico, che incidentalmente è anche consigliere comunale, e appena mi sono avvicinato si è messo a piangere.
lo conosco da trent’anni e non lo avevo mai visto piangere.
C’era tutta la frustrazione di chi prova a mettercela tutta ma ormai la situazione è sfuggita di mano.
A Bologna non c’è più un’amministrazione, non c’è più la politica.
Bologna è stata commissariata: dal Questore Coccia, dal Prefetto, dalla Procura, e il deserto avanza…
Oggi è stata scritta una delle pagine più buie della storia recente di questa città; questa Giunta se ne deve andare, se ne andrà, anzi se n’è già andata.
Ma c’è da costruire quello che verrà dopo. Non sarà facile, ma bisogna provarci.

Paolo Soglia

(Rubo queste foto al mio amico Paolo Righi che raccontano meglio di come vorrei quello che non riesco a dirvi)
sgombero 5sgombero 7

sgombero 9sgombero 4sgombero 3sgombero 2sgombero 8sgombero 6

Le grandi manovre per le Comuniadi 2016

forest-gump1
Odo rumor di cingoli in movimento: partitoni, partitini e partitelli, ex partiti, notabilato politico di lungo corso e nuovi funzionarietti zelanti. Attorno tanti esponenti orfani di formazioni scomparse che vagano in cerca d’autore. Tutti comunque pronti al posizionamento.
Virginio è lì, ma dice poco. L’impressione è quella dell’ostaggio che tiene in ostaggio. Attorno ha l’amorevole partito che farebbe molto volentieri a meno di lui ma che al tempo stesso non vuol rischiare “effetti Bartolini”. Quindi i pretendenti stanno tutti quieti come piccoli fonzie. Ciò nonostante ogni giorno c’è qualcuno nel PD che salta su a dire che “Virginio è il nostro candidato Sindaco”. Se lo è perchè ribadirlo tutti i giorni? Mica è uno yogurt che scade in 24 ore… Lui è ostaggio di un partito che lo ricandida commissariandolo, ma al tempo stesso tiene in ostaggio il suo partito tramite la sua intrinseca debolezza.
Attorno, comunque, girano in cerchio tanti squaletti che alimentano il consueto stillicidio delle voci di corridoio: Siam poi sicuri che ce la fa? E se si dimette prima….

Fuori dal palazzo fioccano liste, listine, listoni e listelle. Parola d’ordine obbligatoria: “aperti e inclusivi”. Frase che abrogherei assieme a “dal basso” , “cittadinanza attiva” e “società civile”. Ovviamente tutti sono aperti e inclusivi ma intanto ognuno fa (o sta pensando di fare) la sua lista aperta e inclusiva con gli amici suoi, perorandosi di preannunciarlo via web per fregare sul tempo gli altri aperti e inclusivi che arriveranno dopo.
Ne parlo con amici e ogni tanto mi contatta anche qualcuno che mi chiede cosa ne penso di un’idea che ha in mente…
Quasi sempre ne penso bene, perchè la teoria magari sta in piedi, ma la pratica… Mannaggia la pratica…. E come si fa? E poi sta città così frammentata e fatta di mondi sempre più distanti e impermeabili tra loro non aiuta.

Potendo dare ancora il cattivo esempio non abbondo quindi di buoni consigli, ma come diceva Forrest Gump dopo aver corso senza meta per un anno: “sono un po’ stanchino”.

Paolo Soglia

 

La festa bolognese dell’ipocrisia e del conformismo

746147 procesione dei Battenti di Guardia Sanframondi,

La polemica politica scatenata nei confronti del Cassero per la serata “Venerdì Credici” contiene tutti gli elementi che caratterizzano l’attuale livello del dibattito bolognese: un festival dell’ipocrisia e del conformismo.
Politici e commentatori che solo un mese fa si sbracciavano per far vedere che anche loro  “erano Charlie” adesso fanno a gara a chi fa il fervorino più accalorato.
Particolarmente triste, in questa poco nobile competizione, la figura fatta dal Sindaco Merola che addirittura minaccia: “vigilerò perchè questi fatti vergognosi non si ripetano”.
Verrebbe da dire: e con che diritto vigilerà? E’ forse il Sindaco di una città il tutore dell’ortodossia, il fustigatore della morale pubblica, o il sanzionatore del (presunto) reato di blasfemia?
No, non lo è. E se posso permettermi un’ipotesi neanche tanto ardita penso che lo sdegno che in pubblico manifesta Merola sia ben più amplificato di quel che realmente pensa nel privato.
Che poi si tirino in ballo 4 danari, in una città che regala milioni alle scuole private cattoliche in spregio alla Costituzione e a un referendum che ne ha sancito, col voto, l’inopportunità appare ridicolo e singolare. Sempre a vedere la pagliuzza e mai la luna, vero caro PD e caro Virginio?
Ma l’ipocrisia è fatta così: prevede che se si levan gli scudi da via Altabella suoni anche il campanone a Palazzo D’Accursio.

Per cosa poi? Per una festicciola scema e una foto di cattivo gusto pubblicata su facebook; una foto che fa veramente cagare, ma per la quale chiedere una “pubblica abiura” e minacciare sanzioni al Movimento Gay tutto, dalle Alpi alle Piramidi, appare un tantino eccessivo.
Anche perchè se si scandalizzano tanto si vede che il Cassero negli ultimi trent’anni l’hanno frequentato poco, visto che non è certo la prima volta che vengono fatte feste mascherate che hanno per tema la Chiesa e i suoi simboli. Certo, prima non c’erano gli smartphone e i social, e si poteva far finta di nulla (ipocrisia canaglia…).

Ebbene, non hanno forse diritto i cattolici (alcuni cattolici) a sentirsi offesi? Certo perchè è un sentimento personale assolutamente legittimo, come quello che prova un musulmano quando vede il Profeta sputazzato su un giornale.
Anch’io, nel mio piccolo, da ateo e laico, da marxista positivista, o semplicemente da persona libertaria, mi sento a volte offeso dalla carica aggressiva, intimidatrice e in alcuni spiacevoli casi addirittura criminale che in nome di tutte le religioni molti presunti credenti pensano di dover riversarmi addosso.
Ma so distinguere e so pure accettare che le manifestazioni altrui, quando non ledono alcuna legge della Repubblica, nè mettono in pericolo l’incolumità di terzi (nè la libertà di terzi) bisogna saperle accettare.

Anche quando mi irritano profondamente, anche quando d’istinto mi verrebbe da impedirgliele. Perchè altrimenti son tutti Charlie, col culo degli altri…

Paolo Soglia

ps
A proposito di libera stampa: quest’articolo non verrebbe mai pubblicato da alcun quotidiano di Bologna. Probabilmente perchè è brutto, volgare e scritto male, ma ho il sospetto che non siano le uniche ragioni…